SBRISOLONA ALLE CILIEGE

Le regine di giugno sono sicuramente le ciliege. Sono buone, preziose per la nostra salute.  Simpatiche e colorate, ottime in ogni momento della giornata. E allora perché non metterne tante tante dentro una bella sbrisolona! Velocissima da preparare. Da gustare appena si fredda per apprezzare il croccante fuori in contrasto con il morbido del ripieno.

Gli ingredienti:

  • 300 gr. di farina di frumento tipo “2”
  • 100 gr. di zucchero di canna
  • 80 gr. di olio di girasole alto oleico
  • 60 gr. di latte di mandorle non zuccherato
  • una bustina di polvere lievitante per dolci
  • mezzo cucchiaino di polvere di vaniglia
  • 3 gocce di olio essenziale di limone
  • un pizzico di sale

Per il ripieno:

  • 600 gr. di ciliege
  • 2 cucchiai di marmellata di ciliege

In un’ampia ciotola miscelo tutti gli ingredienti asciutti. La farina, lo zucchero, la bustina di lievito, la polvere di vaniglia e il sale. In una ciotola più piccola creo una emulsione con il latte vegetale, l’olio e le gocce di olio essenziale di limone. Verso l’emulsione ottenuta nella ciotola degli ingredienti asciutti. Mescolando con una forchetta fino ad ottenere tutte le nostre “briciole” per formare la sbrisolona. Metto la ciotola a riposare un po’ in frigorifero mentre denocciolo e faccio a pezzetti grossolani le ciliege, le condisco con due cucchiai di marmellata di ciliege o di altri frutti rossi. Fodero con della carta da forno una teglia rotonda da crostata e vi distribuisco bene (anche un po’ sui bordi) un po’ di più della metà delle mie “briciole”. Rovescio poi la frutta preparata. Distribuendola uniformemente e completo l’operazione distribuendo sopra ciò che è rimasto delle “briciole”. S’inforna a 180° per circa 30 minuti.

Buona sbrisolona a tutti!

 

 

Annunci

PANDOLCE ALLA CANNELLA

La semplicità e la bontà di questo pandolce è commovente. E’ piaciuto veramente a tutti! Ottimo per iniziare la giornata, ma anche in qualsiasi momento si abbia voglia di una piccola coccola appena appena dolce, ma non meno appagante. Eccovi subito gli ingredienti:

  • 600 gr. di farina di frumento “2”
  • 100 gr. di licoli
  • 200 gr. di un qualsiasi latte vegetale che non sia zuccherato
  • 100 gr. di zucchero di canna
  • un pizzico di sale
  • 60 gr. di olio evo
  • 1 cucchiaio bello colmo di cannella in polvere

In un’ampia ciotola miscelo la farina con lo zucchero, la cannella e il sale. In un’altra ciotola sciolgo il licoli nel latte vegetale e verso il contenuto nella ciotola degli ingredienti asciutti. Mescolo gli ingredienti e trasferisco poi il tutto sulla spianatoia. Impasto fino ad ottenere una bella palla liscia liscia che copro con un canovaccio e lascio lievitare per qualche ora lontano dalle correnti. La sera formo i miei tre filoncini che dispongo sulla leccarda da forno. Faccio i tagli e ripongo nel forno spento con la lucina accesa. Al mattino li cuocio a 180° per circa 40 minuti.

Buona colazione!

FOCACCIA PASQUALE

 

Mi sembra che il Natale sia passato da pochi giorni e siamo invece arrivati a Pasqua. Devo dire che la Pasqua con questa storia degli agnellini nel piatto non mi piace proprio. In verità non mi è mai piaciuta. Uno dei litigi più brutti che ho avuto con mia sorella parecchi anni or sono fu proprio per questo motivo. Da allora non sono più andata al mio paese nativo per Pasqua. Meglio evitare. Ci sono cose che non riesco proprio a sopportare. Scusate la divagazione personale. Vi presento questa focaccia pasquale con molto orgoglio. Subito all’opera. Questi gli ingredienti:

250 gr. di farina di manitoba tipo “0”

300 gr. di farina di frumento tipo “0”

100 gr, di licoli

400 gr. di latte di cocco

100 gr. di zucchero di canna

80 gr. di burro di cocco

200 gr. di mirtilli rossi secchi

la buccia grattugiata di un limone biologico

la buccia grattugiata di un’arancia biologica

un cucchiaino di vaniglia in polvere

un pizzico di sale

Ingredienti per la rifinitura delle focacce:

qualche cucchiaio di malto di riso

qualche cucchiaio di granella di nocciole

La sera prima in un’ampia ciotola miscelo le farine, lo zucchero, la vaniglia, le bucce grattugiate degli agrumi e il sale. In un’altra ciotola sciolgo il licoli nel latte di cocco (per chi non ha il licoli si può fare un piccolo impasto un paio d’ore prima, con 50 grammi di farina, 50 grammi di acqua e 5 grammi di lievito di birra fresco) e verso il tutto dentro la prima ciotola. Impasto bene e infine aggiungo gradualmente il burro di cocco. Impasto ancora in ciotola per 5 minuti. L’impasto risulta abbastanza umido, ma non colloso. Metto in luogo riparato la ciotola coperta con un canovaccio e lascio lievitare per tutta la notte. Al mattino rovescio l’impasto sulla spianatoia, dove avrò distribuito un pochino di farina per evitare che l’impasto si attacchi, e vi aggiungo i mirtilli secchi lavati e strizzati. Inglobo delicatamente i mirtilli all’impasto. Procedo poi alla pirlatura di due focacce. Una da 500 gr. circa e l’altra da un chilo circa.  (Naturalmente si può scegliere di farne una grande oppure due di uguale peso). Le metto dentro due stampi rotondi, copro e lascio lievitare in forno spento per circa 6 ore. I tempi di lievitazione sono indicativi. Come sappiamo dipende anche molto dalla temperatura.

Una volta raddoppiate passo alla rifiniture delle focacce. Con un pennello distribuisco dolcemente il malto di riso e poi aggiungo la granella di nocciole.

Inforno a 180° e lascio cuocere per circa 40 minuti. Poi abbasso la temperatura in modo graduale e lascio cuocere ancora per altri 10 minuti circa.

Buona Pasqua a tutti!

CROSTATINA DOLCEAMARA

 

Eccomi con una crostatina particolare che solleticherà i vostri palati. Insolita ma veramente sfiziosa ed anche particolarmente digeribile per le ovvie caratteristiche che la rendono ideale per iniziare bene la giornata.

Ingredienti per la frolla:

  • 200 gr. farina di miglio
  • 50 gr. di cocco rapè
  • 10 gr. di polvere di cacao amaro
  • 70 gr. di zucchero
  • 10 gr. di amido di mais
  • 1 cucchiaino di cremor tartaro
  • un pizzico di sale
  • mezzo cucchiaino di vaniglia in polvere
  • 70 gr. di acqua
  • 50 gr. di olio di girasole

Per il ripieno utilizzo la mia marmellata di arance.

Mettiamoci all’opera. In una ciotola mescolo la farina di miglio, il cocco, la polvere di cacao amaro, lo zucchero, l’amido di mais, il cremor tartaro, la vaniglia, il pizzico di sale. In un’altra ciotola metto l’acqua e l’olio di girasole e con una frusta emulsiono i due ingredienti. Verso la crema ottenuta sulla ciotola degli ingredienti secchi ed impasto fino ad ottenere un impasto omogeneo che lascio riposare per 30 minuti in frigo. In uno stampo rotondo con diametro di 22 cm dispongo i 3/4 dell’impasto in modo uniforme fino ai bordi e un pochino più su. All’interno metto la marmellata di arance. Siate generosi. Con il rimanente impasto creo le classiche striscioline da crostata. Non sarà impresa facile perché il composto è alquanto colloso e per niente elastico. La mancanza di glutine ha questa piccola controindicazione. Saranno un po’ irregolari, ma non è importante.

Inforno a 180 ° per circa 30 minuti. Lascio raffreddare bene prima di trasferire la crostata nel piatto da portata perché è alquanto fragile.

Buon appetito a tutti!

COOKIES

Questi biscotti sono irresistibili! Inizi a mangiarli e non smetti più! Il sapore delizioso e la consistenza tutta da rosicchiare me li fa amare particolarmente.

Ingredienti:

  • 250 gr. di farina di tipo “2”
  • 130 gr. di olio di cocco
  • 80 gr. di latte di cocco
  • 200 gr. di gocce di cioccolato fondente
  • 170 gr di zucchero di canna
  • mezzo cucchiaino di vaniglia in polvere
  • 1 cucchiaino di cremor tartaro

Metto in una ciotola la farina, lo zucchero, la vaniglia, il cremor tartaro. Miscelo un attimo e aggiungo l’olio di cocco e il latte di cocco. Impasto bene il tutto ed infine aggiungo le gocce di cioccolato. Amalgamo bene e metto l’impasto a riposare in frigo per 30 minuti. Rivesto una leccarda con della carta da forno e ci dispongo sopra le palline d’impasto di circa 50 grammi che schiaccio  fino a dare la forma dei classici cookies.

Inforno a forno caldo e lascio cuocere per circa 7 minuti. Consiglio di non farli cuocere troppo. Non devono assolutamente scurire altrimenti saranno troppo duri. 

Evviva i cookies!!!

 

NEVE

NEVE A ROMA

Nevica fitto fitto.
Si muove veloce e silenziosa.
Anche intorno c’è silenzio.
Sembra che tutti si siano fermati
per guardarla.
Le bocche un po’ aperte.
Lo sguardo a cercare
quel bianco insolito.
Sospiri.
Appuntamenti mancati.
Poco importa.
Pausa di candore vestita.
Ora c’è il tempo per ascoltare il silenzio,
quel turbamento
che tutto dice e nulla pretende.

TORTA VEGANA AL LIMONE

Questa torta è piaciuta molto. Personalmente credo che sia una delle mie migliori torte. Il merito è anche del Blog di Simona http://lortoghiottodisimona.blogspot.it/ Trovo che lei sia veramente fantastica. Credo che la conoscerò presto! Lo spunto per questa torta mi è stato dato dalla sua torta alla crema di lavanda.

Il re della mia torta è il limone!

Profumo, colore, sapore. Penso che sia veramente un frutto meraviglioso e anche altamente terapeutico.

Ingredienti per il pandispagna:

50 gr. di olio evo

50 gr. di olio di girasole

200 gr. di acqua

100 gr. di succo di limone (due limoni di media grandezza)

380 gr. di farina di frumento “0”

140 gr. di zucchero di canna

la buccia grattugiata di un limone

una bustina di cremor tartaro.

Miscelo in una ciotola tutti gli ingredienti secchi dove vado ad aggiungere poi il contenuto di un’altra ciotola dove ho miscelato gli ingredienti liquidi. Amalgamo bene il tutto. Trasferisco il mio composto in uno stampo quadrato, ma anche rotondo va bene lo stesso ed inforno a 180° per circa 40 minuti. Questo pandispagna va fatto la sera prima perché deve raffreddarsi completamente prima di essere trasferito nel piatto da portata dove vado ad aprirlo a panino. All’interno metto la crema pasticcera, anche lei fredda.

Questi gli ingredienti per la crema:

600 gr. di latte di mandorla senza zucchero (autoprodotto)

80 gr. di zucchero di canna

40 gr. di farina di riso integrale

mezzo cucchiaino di vaniglia in polvere

4 gocce di olio essenziale di limone

la buccia grattugiata di un limone

Miscelo in una pentola antiaderente lo zucchero, la farina e la vaniglia in polvere. Metto sul fuoco e sempre mescolando lascio arrivare a bollore. Deve bollire dolcemente per circa 3 minuti sempre mescolando. Spengo il fuoco e aggiungo la buccia grattugiata finemente del secondo limone il cui succo ho utilizzato per il pandispagna e le gocce di olio essenziale di limone. Mescolo ancora ogni tanto fino a che non raffredda completamente.  Una volta messa la crema all’interno del pandispagna posso polverizzare la superficie con un pochino di zucchero a velo.

Buona torta al limone a tutti!