FETTUCCINE DI FARINA DI CASTAGNE

Sapete che quando si tratta d’impastare è per me sempre il momento buono. Devo anche dire che amo fare le fettuccine. La pasta fatta in casa mi sembra buona in ogni caso, anche se un po’ stortignaccola. C’è l’impasto di buoni ingredienti e poi c’è il calore, l’energia  e l’amore delle mani che la impastano.  E’ arrivato l’autunno e quindi non potevano mancare le fettuccine di farina di castagne.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ecco gli ingredienti per sei persone che hanno un discreto appetito:

  • 3 uova
  • 150 gr. di farina di castagne
  • 150 gr. di farina di frumento tipo ” 0″
  • un pizzico di sale
  • un filo d’olio evo

Metto le uova, il sale e l’olio ed impasto bene.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Fino ad ottenere una palletta più possibile liscia e soda.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lascio riposare la palletta sotto un canavaccio per 10 minuti. Poi la divido in due e inizio a stendere la sfoglia con il mattarello. Come già credo di aver detto per questa operazione occorre un po’ di pratica. Dovete avere pazienza, una spianatoia adeguata e anche il mattarello giusto. Ci si deve aiutare anche con della farina per evitare che la sfoglia si attacchi. Quando la sfoglia sarà tesa abbastanza, diciamo che dovrà avere lo spessore di un millimetro circa (non è una cosa importante perchè se la sfoglia è più spessa avrete delle fettuccine più consistenti, ma buone lo stesso), si lascia asciugare per qualche minuto, poi si piega e si taglia. Anche qui potrete fare le vostre fettuccine della larghezza che preferite.
A questo punto potete lessare le fettuccine in abbondante acqua salata e condirle con un filo d’olio o con della panna vegetale. Sono molto buone anche così semplici. OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Io ho voluto esagerare e mi sono lanciata con questo condimento.  Ho fatto cuocere dei funghi a pezzi molto piccoli con solo olio, sale e uno spicchio d’aglio. Ho messo un paio di porcini e alcuni champignon. A parte ho sbollentato alcuni pomodorini perino, li ho privati della pelle e fatti in quattro striscioline. Li ho poi caramellati in una piccola padella con un cucchiaio di zucchero e due cucchiai di aceto balsamico.  Qualche minuto di fuoco allegro e sufficiente. Forse ho fatto un accostamento un po’ azzardato, ma vi assicuro che ha il suo fascino e poi i pomodorini aggiungono quel tocco di colore che non guasta.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Buon appetito!

Annunci

LA BATATA ROSSA

La mia amica Michaela mi ha fatto scoprire la batata rossa. Come vedete non è una patata con il raffreddore, ma proprio una bella patata rossa. Ve la presento. Contiene carboidrati, proteine, vitamine, ferro e calcio. Molte sostanze antiossidanti che le conferiscono proprietà anti-radicali liberi. Devo dire che è anche molto buona e semplice da cucinare.OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA Io ve la propongo al forno fatta a fette e aromatizzata con del rosmarino fresco. Non occorre pelarla se acquistiamo un prodotto di agricoltura biologica. Anzi pare che proprio nella buccia si trovi la maggiore concentrazione del Cajapo. Si tratta di una sostanza risultata molto utile per ridurre colesterolo e glicemia basale. Insomma è buona e fa bene. Un problemino però l’ho riscontrato. La batata costa circa 4 euro al chilo. E’ veramente molto costosa. Troppo per essere inserita compiutamente nei menù di persone che hanno bisogno di fare attenzione alla qualità, ma anche ai soldi.OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Buona batata a tutti!

VELLUTATA DI ZUCCA CON FUNGHI PORCINI

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Questi gli splendidi ingredienti di stagione per la vellutata:

  • 1000 gr. di zucca Marina di Chioggia
  • 500 gr. di funghi porcini
  • 1 tazza grande di acqua
  • 1 cipolla piccola
  • rosmarino fresco
  • uno spicchio d’aglio
  • olio evo, sale e pepe

Metto in un’ampia padella la zucca, privata dei semi e della buccia (molto dura), fatta a pezzi grossolani. Aggiungo una cipolla dorata piccola, delle foglie di rosmarino fresco, una tazza grande di acqua, olio e sale. Copro e faccio cuocere a fuoco lento. Quando la zucca sarà morbida, ma non spappolata, la passo in un recipiente alto e la frullo con il frullatore ad immersione. Ne ricavo così una crema liscia, ma alquanto densa.OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nel frattempo pulisco, sciacquo bene e riduco a piccoli pezzi i funghi. Li metto in un’ampia padella e li lascio cuocere per circa 20 minuti con olio evo, sale, pepe e uno spicchio d’aglio che tolgo dopo 5 minuti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Metto un cucchiaio di funghi al centro della fontana fatta di purea di zucca e guarnisco con foglioline di rosmarino.
Questo piatto si serve tiepido per assaporare completamente il sapore dei sui fantastici ingredienti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Buon appetito!

FETTUCCINE AI FRUTTI DI BOSCO CON SUGO DI POMODORO, OLIVE TAGGIASCHE E BURRATA

P6100034[1]

Una domenica con la famiglia al completo sono andata in un ristorante vicino a  Ladispoli. Il Casale dei Girasoli è un bel ristorante immerso nella campagna vicino al mare. Ci siamo dati alla pazza gioia perchè le proposte erano veramente tante e per tutti i gusti. Luca ha ordinato questo piatto vegetariano che gli è molto piaciuto. L’ho fatto a casa ed ho avuto la benedizione dei miei figli che sono dei degustatori molto esigenti.  Io non ho messo la burrata, ma comunque, vi assicuro, è un piatto molto buono e particolare. Il sapore vagamente dolciastro delle fettuccine si sposa bene con la sapidità delle olive.
Io ho cucinato questo piatto per otto persone, ma vi propongo gli ingredienti per due persone.
Ingredienti per la sfoglia:

  • due cucchiai di frutti rossi frullati
  • un uovo intero
  • un etto di farina di frumento “0”
  • un etto di farina di grano duro

C06[1]

Per prima cosa devo frullare i frutti rossi. Io ho messo more, mirtilli neri e fragole. Con il senno di poi penso sia meglio mettere mirtilli neri, lamponi e fragole togliendo le more. Troppi semetti possono risultare fastidiosi e rendono le fettuccine più fragili.

C03[1]

Metto gli ingredienti al centro della fontanella fatta con le farine. Il peso della farina è indicativo perchè dipende anche dalla grandezza delle uova. Considerate che devo arrivare ad un composto abbastanza sodo, ma non troppo duro, altrimenti sarà un’impresa stendere la sfoglia.

C05[1]

Lascio per 15 minuti riposare la mia palletta sotto un tovagliolo. Poi inizio a stendere la palletta con il mattarello. L’operazione richiede un po’ di pazienza. Mi aiuterò con la farina di grano duro per evitare che si attacci alla spianatoia mentre la stendo. Devo cercare di mantenere una forma rotonda. Giro e passo il mattarello. Metto un po’ di farina e rigiro e passo ancora il mattarello. Questo per parecchie volte fino a che non avrò una sfoglia alta circa mezzo millimetro e di spessore più uniforme possibile. La lascio sotto un canavaccio circa 15 minuti affinchè si asciughi un po’ altrimenti rischio che si appiccichi mentre la taglio. Mi aiuto sempre con abbondante farina quando ripiego la sfoglia che vado poi a tagliare. Le mie fettuccine sono larghe circa un centimetro.

C04[1]

Non vi nascondo che se siete principianti nel fare le fettuccine non sarà proprio una scampagnata, ma sono sicura che con un po’ di applicazioni potrete raggiungere buoni risultati.  Di solito anche le fettuccine un po’ bruttine sono ottime una volta cotte. Quindi non scoraggiatevi, mi raccomando.
Lascio ad asciugare sotto un telo le mie fettuccine e mi dedico al sugo. E’ semplice e molto veloce. In un’ampia padella metto un bicchiere di passata di pomodoro fresco (ricordatevi sempre che la ricetta è per due persone), 2 pomodori san marzano o quelli che avete purchè siano ben maturi, privati della pellicina e fatti a piccoli pezzi aggiungendo infine  una decina di olive taggiasche denocciolate e fatte a pezzi grossolani. Condisco con sale, olio evo e una grattatina di pepe nero. Faccio andare il mio sugo per 15 minuti non di più.

C07[1]

Lesso le mie fettuccine in abbondante acqua salata per 5 minuti. Le scolo bene e le condisco con questo sugo. Come vi dicevo il piatto si completa con della fresca burrata messa a grossi pezzi sopra alle fettucine ancora molto calde, ma anche senza burrata sono ottime.

P7200069[1]
Buon appetito!