PLUMCAKE VEGANO DAL CUORE DI PESCA

 
Finalmente, dopo un paio di tentativi deludenti sono riuscita nella mia impresa.
Questo plumcake è veramente straordinario per gusto e morbidezza. Sono molto contenta. E anche Tori.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Questi gli ingredienti:
L05[1]

Ingredienti:

  • 300 gr. di farina di frumento tipo “2”
  • 140 gr. di zucchero di canna
  • 290 gr. di latte di riso
  • 100 gr. di burro di soia
  • una bustina di lievito naturale cremor tartaro
  • un pizzico di sale
  • un cucchiaino di vaniglia in polvere
  • una pesca
  • un cucchiaio di marmellata di pesca

Prendo una ciotola e metto la farina, lo zucchero, la vaniglia in polvere, la bustina di cremor tartaro, il sale  e mescolo bene tutti questi ingredienti. In un’altra ciotola metto il latte e il burro di soia che rompo un po’ con una frusta, rovescio poi questo contenuto sulla farina e gli altri ingredienti. Con un mestolo di legno lavoro un po’ il mio composto fino a che non sarà liscio e apparirà più o meno così:

L04[1]

Prendo poi il classico stampo da plumcake, lo fodero di carta da forno e vi verso il composto delicatamente. Distibuisco poi su tutta la superficie la pesca precedentemente sbucciata, ridotta a dadini e fatta saltare qualche minuto  in una padella antiaderente  e mischiata ad un cucchiaio scarso di marmellata di pesca.

L03[1]

Metto lo stampo in forno a 170° per circa 45 minuti. Mi sono divertita tanto nel vedere come la pasta che aumenta, mentre cuoce, il suo volume ai lati fino ad inglobare i dadini di pesca con la marmellata. Per certe cose credo di essere rimasta una bambina, mi entusiasmo. Come quando per la prima volta, ormai parecchi anni fa, sono riuscita a fare i bignè. Che bellezza vederli “esplodere” ad uno ad uno e che gioia!
Una volta che il plumcake sarà cotto lo tolgo dallo stampo sollevandolo dai lembi della carta da forno. Questa operazione va fatta con attenzione e delicatezza perchè quando è ancora caldo è molto fragile. Lo metto poi a raffreddare su un piatto senza tentare di togliere la carta da forno. Quest’ ultima operazione va fatta dopo qualche ora, quando sarà completamente freddo.

L01[1] (2)

Ecco a voi il cuore di pesca per tante lussuriose colazioni.

Buon appettito!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...